Quando il sole della cultura è basso i nani sembrano giganti

Karl Kraus

   
   

SPAZIO APERTO

Il pentacolo e il pentacolo rovesciato.

Dettagli

PentacoloIl pentacolo è un simbolo antichissimo, che risale al periodo precristiano era ed è il simbolo del Paganesimo, religione basata sullo stretto contatto con la natura.

Questo simbolo è composto da una stella a cinque punte all’interno di un cerchio; rappresenta quindi l’essere umano all’interno dell’universo, dove la punta più alta è la testa e le altre punte sono gli arti.

Un’altra chiave di lettura di questo simbolo è che le cinque punte della stella rappresentino gli elementi che sono Terra, Aria, Fuoco e Acqua; questi sono tra i primi dei che vennero pregati, più Akasha, l’energia che rinchiude in sé tutti e 4 gli elementi .

O ancora, il pentacolo rappresenta i punti cardinali Nord, Sud, Est, Ovest, più Akasha.

L’origine del pentacolo è da ritrovarsi nel moto del pianeta Venere, che durante la sua orbita, disegna appunto, un pentacolo.

Nonostante il suo significato “pacifico”, il pentacolo è sotto accusa da millenni, perché considerato simbolo del satanismo.

Un discorso più complesso è da fare, per il pentacolo rovesciato; esso infatti è utilizzato come simbolo sia dai pagani, sia dai satanismi.

Questo simbolo infatti, se posto con la punta più alta in giù, rappresenta la testa di un caprone stilizzata.

Per i pagani, la capra ricorda il Dio Pan, iconograficamente rappresentato metà capra e metà essere umano o come una capra con aspetto umanoide.

Il Dio Pan è simboleggiato da questo animale perché protettore degli animali, signore dei campi e dei boschi e, originariamente, era pregato soprattutto dai contadini.

Quando la chiesa cristiana prese potere trasformò la figura del Dio Pan, nella figura antagonista del Dio cristiano: il diavolo.

I satanismi pregano quindi il diavolo il cui simbolo è anche per esso la capra.

Proprio a causa di questa ambiguità, il pentacolo rovesciato è oggetto di pregiudizio.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

   
   
   
© Adgraphisart Mimmo Loiero