Quando il sole della cultura è basso i nani sembrano giganti

Karl Kraus

   
   

CINEMA

2012. Recensione.

Dettagli

2012.locandina.Il 21 dicembre 2012 secondo il calendario Maya, ci sarà la fine del mondo. Jackson Curtis decide di portare i figli in campeggio, ma il giorno seguente sono costretti a tornare a casa per via dei fenomeni ambientali disastrosi che stanno avvenendo.

Nel giro di poche ore Jackson, con i figli, l’ex moglie e il nuovo compagno di lei, sono costretti a scappare da Washinton: terremoti, maremoti e fiumi di lava iniziano a distruggere il pianeta; corre voce che siano state costruite speciali navi per salvare i potenti della terra e l’unica via per cercare di scampare all’imminente pericolo è di raggiungere il luogo dell’imbarco per via aerea…

Film catastrofico che va ad incrementare il crescente business che gira attorno a questa data, la cui durata si avvicina molto a quella del Titanic (3 ore) e ciò lo rende noioso e pesante da seguire nella seconda parte.

2012 scenaLa trama diventa triste nelle scene in cui i personaggi affrontano vicende irreali (come attraversare in limousine un palazzo a vetrate che sta cadendo e uscire poi dall’altra parte), situazioni fiabesche alle quali, purtroppo, il cinema americano ci ha abituato.

Trama scontata e finale già visto in The Day After Tomorrow; la pellicola merita di essere vista solo per gli effetti speciali realistici e sconvolgenti… Se proprio non si ha nulla di meglio da vedere!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
0 # Rita 2010-03-08 15:49
Non ho visto "2012" e, forse sbaglio, ho l'impressione di non aver mancato l'appuntamento con un capolavoro. Ho visto però un insolito film, con una bella regia, ottima interpretazione e una storia che definire fantascientific a sarebbe riduttivo. "District 9" (2009) di Neill Blomkamp, racconta di alieni arrivati sulla terra già da 30 anni e della loro vita da emarginati in un ghetto di Johannesburg, il District 9. Praticamente un campo di accoglienza che è una via di mezzo tra la peggior favelas mai descritta e una discarica a cielo aperto. Gli alieni hanno un inquietante aspetto e vengono definiti dagli umani "gamberoni". Il tentativo di sgombero e trasferimento degli alieni in zona distante dalla città innesca un meccanismo tale di violenza che tra forze dell'ordine, militari, bande di delinquenti nigeriani e "gamberoni", si assiste ad una ecatombe non molto indicata per stomaci delicati... Finale amaro.
Rispondi
 
 
0 # Federica Rubini 2010-04-24 23:48
HO VISTO IL FILM DI CUI PARLI... O MEGLIO, HO TENTATO DI VEDERLO: MI AVEVA GIA' ANNOIATO DOPO I PRIMI 10 MINUTI E HO DECISO DI TOGLIERE QUELLO STRAZIO E GUARDARE ALTRO!!! COMPLIMENTI PER IL TUO LIVELLO DI SOPPORTAZIONE!! ! ;-)
Rispondi
 
   
   
   
© Adgraphisart Mimmo Loiero